Novità del settore

La realtà morde: l'ingerenza della Cina raffredda ma non può invertire i prezzi delle materie prime calde

2021-08-06
L'enorme industria manifatturiera, la popolazione e l'economia in rapida crescita della Cina significano che ha un fabbisogno di materie prime straordinariamente elevato che supera sostanzialmente la produzione interna. Il recente boom del prezzo di tutto, dal rame al carbone, ha spinto i prezzi alla produzione del paese al massimo dal 2008 e ha trascinato la sua ripresa dalla pandemia di coronavirus.
Con le principali economie in Europa e Nord America anche in ripresa dopo i blocchi del coronavirus, la concorrenza per le materie prime dovrebbe solo intensificarsi, limitando il ribasso a breve termine dei prezzi.
La Cina importa circa la metà di tutti i metalli chiave, un terzo di tutti i raccolti spediti e quasi il 20% delle spedizioni globali di petrolio.
Alcuni economisti sostengono che i costi più elevati sono transitori e svaniranno man mano che le catene di approvvigionamento si riprenderanno dalla crisi sanitaria, ma altri indicano una produzione globale limitata, tempi di accelerazione lenti per le nuove operazioni minerarie e una domanda in aumento man mano che le economie di tutto il mondo si riprendono.
Wu Shiping, un analista di Tianfeng Futures, ha affermato che i prezzi del carbone da coke, un ingrediente chiave per la produzione di acciaio, sono alti a causa della carenza di approvvigionamento.
"Per il minerale di ferro, le spedizioni dei principali minatori sono diminuite e il mercato dei futures sta monitorando i prezzi spot", ha affermato.